Non Solo Ferri Vecchi - CONSERVAZIONE DELLA STORIA DELLA NOSTRA SOCIETA'

Macchine Varie

22 gennaio 2010

Macchina per Caffe o Caffettiera CONDOR

Tags: , , , , ,

Ascolta con webReader

 

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

Macchina per caffè espresso o Caffettiera “CONDOR” per una o due tazze. Anno 1926   

Meravigliosa caffettiera o macchina del caffè , viene chiamata in entrambi i modi, senz’altro oggetto da collezionisti, veniva usata nei grandi e lussuosi bar od hotel del tempo.
La Condor è ancora una azienda presente nel mercato delle macchine del caffè, specializzata ora nella produzione di componenti ed accessori per costruttori di macchine per caffè.   

La macchina è stata prodotta dalla ditta Ved.va OBERTINO & FIGLIE Via Balbo n. 4 TORINO. Porta il N. 330 penso di serie abbastanza limitata.
Probabilmente esiste un collegamento societario o produttivo tra la OBERTINO & Figlie e la CONDOR.   

La caffettiera è predisposta per poter fare uno o due caffè, inoltre ha lo scaldabevande a pressione, elettrica, controllato da un manometro per la regolazione.   

Il caffè espresso, ad oggi noto in tutto il mondo, è nato a Milano nei primi del ’900, in seguito all’invenzione della macchina per produrlo  brevettata dall’ing. Luigi Bezzera nel 1901. Il brevetto venne successivamente acquistato da Desiderio Pavoni che nel 1905 fondò la ditta La Pavoni e iniziò la produzione in serie (una al giorno),  in una piccola officina di via Parini a Milano. 

Interessante il numero di esenzione o esonero, del 6 marzo 1926 , N.12530 . Sarei curioso di sapere da che cosa erano esonerati … probabilmente da qualche tassa inserita ( come oggi ) probabilmente durante il periodo di autarchia.   

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

Autarchia : Condizione di un paese autosufficiente,che non intrattenga rapporti  commerciali con altri paesi. In altre parole,il termine indica un’economia chiusa, che consuma soltanto i beni che riesce a produrre al suo interno. Un regime completamente autarchico, anche alla luce della progressiva liberalizzazione dei mercatiinternazionali nonché della sempre maggiore interdipendenza economica tra gli Stati, è pressoché impossibile nell’attuale realtà economica.
Dobbiamo infatti tenere presente che non da molti anni era finita la prima guerra, e chissà quali tasse e relative esenzioni erano presenti in quel periodo.  

Il caffè espresso è una bevanda ottenuta dalla torrefazione e macinazione dei semi della Coffea arabica e Coffea robusta,  preparata secondo un procedimento di infusione sotto alta pressione di vapore acqueo per mezzo di un’apposita macchina. Normalmente, per ottenere un buon espresso da bar, il macinacaffè deve essere dotato di macina elicoidale centrifuga,  l’unica adatta a frantumare i chicchi in fini granuli con dimensione uniforme, il grado di finezza della macinatura va scelto  in base alle caratteristiche della macchina, della miscela e alle condizioni ambientali di umidità e temperatura;  generalmente risulta più fine di quella da cui si ottiene il caffè da moka.  

Da un punto di vista fisico l’espresso è una bevanda ottenuta dalla percolazione di acqua calda sotto pressione che passa  attraverso uno strato di caffè (circa 8/10 gr) tostato, macinato e pressato; nel passaggio attraverso la polvere di caffè, la pressione dell’acqua si esaurisce e la
bevanda fuoriesce a pressione atmosferica. Da un punto di vista chimico si tratta di un’estrazione solido-liquido dove il solvente è l’acqua calda. Il metodo espresso per la preparazione del caffè si contraddistingue dagli altri metodi soprattutto per l’utilizzo di un’elevata pressione dell’acqua  e per una sua temperatura che non raggiunge il punto di ebollizione. Inoltre la macinatura del caffè tostato particolarmente fine  offre una resistenza all’acqua di percolazione tale che permette l’estrazione di sostanze lipofile e idrosolubili che
regalano alla bevanda in tazza caratteristiche uniche in termini di crema, aroma, corpo e retrogusto.  

Di fondamentale importanza è la freschezza della miscela tostata, in termini pratici, la massima fragranza dell’espresso si ottiene all’apertura della confezione sigillata del produttore, col passare dei giorni, l’esposizione dei chicchi all’aria ambiente, tende ad irrancidire le sostanze oleose contenute, con conseguente minore produzione di crema ed alterazione del gusto. Una buona norma può consistere nel mantenere la miscela in chicchi chiusa in barattolo, tenuta in frigorifero e macinata sul momento.  Anche la tazzina ha la sua importanza; La forma conica permette di osservare con precisione la quantità scesa in essa, il forte spessore, ovvero grande massa, contribuisce a mantenere relativamente costante la temperatura dell’espresso, ovviamente la tazzina dovrà risultare calda già prima dell’uso, per questo motivo, le tazzine nei locali bar sono
posizionate sopra la macchina.  

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

L’ho acquistata in condizioni pessime, come si vede dalle foto, ma valeva proprio la pena farla restaurare.   

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

 

Con sacrifici e passione si ottengono tutti gli obiettivi e risultati sperati !  

Oggetto da collezione, ma anche da arredamento a cui ora sono molto legato.   

Un po’ di foto…..:
.

Print Friendly
  1. Subject: Contatto da FerriVecchi : complimenti! Message Body: Ciao, ieri un amico mi ha segnalato il tuo blog.
    Me lo guarderò con calma, ma colgo l’occasione per farti conoscere il mio : http://caffettiere.blogspot.com/ e se avessi
    spazio sarei anch’io come te… salviamo il salvabile! a presto Lucio

    Comment by Lucio — 12 marzo 2010 @ 12:56
  2. Gentile Collezionista, le faccio i complimenti per la macchina da caffè Condor vero raro esemplare, sopra alla estremità della cupola porta un condor, lo confermo con sicurezza, avendola una uguale ma 4 gruppi, ed altri amici la possiedono in collezione.
    Cordiali Saluti
    Buon Caffè
    Enrico Maltoni

    Comment by Enrico — 2 febbraio 2011 @ 01:26
  3. Macchine da caffè assolutamente affascinanti, per alcune oserei dire capolavori…Davvero complimenti, non si può perdere la memoria di oggetti così belli.

    Comment by Laura — 21 agosto 2011 @ 16:21
  4. Anch’io ne ho una e vorrei venderla sapete a chi mi posso rivolgere? grazie

    Comment by Barbara — 28 febbraio 2013 @ 17:25
  5. salve io sarei interessato all’ acquisto, se mi gira le foto le faccio sapere. Saluti

    Comment by francesco — 13 gennaio 2014 @ 22:52
  6. Ciao sono un giovane ristoratore con una attività in Portogallo sarei interessato a partecipare n acquisto di una macchina come la tua, ma già revisionata per metterla in funzione nel mio ristorante.
    Se hai ho ti capita qualcosa per le mano ti lasci la mia mail speed3694@hotmail.it un grazie in anticipo

    Comment by samuel — 9 aprile 2015 @ 20:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.