Non Solo Ferri Vecchi - CONSERVAZIONE DELLA STORIA DELLA NOSTRA SOCIETA'

Archive for the ‘Macchine Varie’ Category

Varie

14 ottobre 2010

Vecchia Fresa MG per duplicare chiavi….a manovella !!!

Tags: , , , , ,

Ascolta con webReader
 
Vecchio Duplicatore di Chiavi MG

Nell’era ormai delle aperture elettroniche ( con telecomando, dispositivi RFID, ma anche con voce, impronte digitali, riconoscimento dell’iride e chissa cos’altro….) oggi ho recuperato una vecchia fresa per duplicare le chiavi….. 

Il funzionamento è molto semplice, ed è simile alle moderne duplicatrici elettriche…. 

Si fissa la chiave originale, si fissa la chiave vergine che diverrà la copia fornita dai vari produttori entrambe negli appositi alloggi. A questo punto si inizia con la manovella far girare la fresa che creerà la nuova chiave fresando quella vergine mentre con l’altra mano attraverso l’impugnatura e una guida si segue la forma dell’originale….. 

Il tutto senza corrente o batterie !!!! 

Ma parliamo un po’ delle chiavi…..visto che anche di quest’ultime ho una piccola collezione…. 

Per ora ( torneremo ancora sull’argomento con la storia e altre informazioni ), ci limiteremo a dire che la chiave  ( intendiamo la standard ) è un oggetto utilizzato per aprire o chiudere una serratura. Di solito consiste in una sottile barretta di metallo, provvista di gole intagliate che formano dei denti e/o scanalature  o piccoli incavi che corrispondono alla forma della serratura e dei suoi meccanismi interni,  permettendo così l’apertura, di norma per mezzo di una rotazione.  

Quando viene tenuta dritta e inserita in una serratura, una serie di cilindretti si solleva allineandosi con i denti e le gole presenti sulla chiave. Se la chiave inserita è quella corretta, la lunghezza dei cilindretti corrisponde a quella stabilita  al fine di permettere la rotazione del cilindro che a sua volta aziona il meccanismo che permette  l’apertura della porta. 

La porzione della chiave che è intagliata e viene inserita nella serratura viene detta lama.
L’impugnatura, generalmente più ampia per facilitarne la presa e sagomata o colorata per permettere il riconoscimento di una chiave nel mazzo, è fornita di un foro, tondo o rettangolare, detto passachiave, che serve ad inserirla nel portachiavi.
 

Vecchio Duplicatore di Chiavi MG

  

La chiave dentellata fu inventata nel 1851 da Linus Yale. 

MG SERRATURE è una fabbrica specializzata nella produzione di serrature e cilindri, compresa una vasta gamma di accessori per porte. Azienda di Lazzate (MI) oggi certificata, presente sul mercato nazionale e internazionale da circa cinquant’anni, e sempre pronta a rispondere ad ogni esigenza di mercato fornendo un valido appoggio per gli specialisti del settore.
Da non confondersi, anche se il logo appare praticamente uguale, con la MG, nome di una casa automobilistica inglese attiva dal 1922. Attualmente è un marchio di proprietà della cinese Saic Motor. La MG, acronimo di Morris Garages, venne fondata (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Da Scrivere

8 aprile 2010

Macchina da Scrivere Royal Bar-Lock e storia della scrittura e delle macchine da scrivere

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

Macchina daScrivere Royal Bar-Lock

Oggi volevo mostrarvi delle immagini di una bellissima macchina da scrivere. Andando a rivedere il post relativo al modello che avevo già
pubblicato mi sono reso conto che abbiamo parlato poco della storia della macchina da scrivere e della scrittura.  

E così mi sono documentato un po…  

Ma andiamo con ordine.  

La macchina per scrivere è uno strumento dotato di tastiera collegata a vari dispositivi meccanici, elettrici e/o elettronici, che permettono di ottenere su un supporto, generalmente un foglio di carta, l’impressione di caratteri (lettere, numeri, segni ortografici, segni di punteggiatura, simboli vari) simili a quelli della stampa tipografica.  

Oggi rimpiazzata quasi completamente dai personal computer che contengono installati uno o più programmi di videoscrittura, la macchina per scrivere, nata sul finire del XIX secolo, è stata uno dei primi dispositivi di largo utilizzo per la rapida redazione di documenti in formati standardizzati. Il suo utilizzo fece nascere una nuova professione, inizialmente riservata alle donne: la dattilografia.  

Sono diversi gli inventori ai quali la macchina da scrivere viene attribuita, spesso di diversa nazionalità. È anche possibile che varie persone abbiano lavorato contemporaneamente ad idee simili senza necessariamente essere a conoscenza l’uno del lavoro dell’altro.  

Ma quando nacque la scrittura ?  

Brevemente, possiamo riassumere e semplificare la storia della scrittura in pochi passaggi :  

I primi graffiti incisi sulle rocce dell’uomo risalgono a più di 35000 anni fa (neolitico). Erano certamente una forma d’arte, ma non erano una forma di scrittura. Infatti non rappresentano un testo formato da parole, ossia complessi di suoni che esprimono un senso in una data lingua. Rappresentare graficamente un sentimento, un desiderio, un timore non è ancora scrivere.  

La rappresentazione grafica di parole (dette anche monemi) è già una scrittura, ma con un difetto: le parole sono decine di migliaia e occorrerebbero molti segni (vedi il Cinese ). Quindi, fin dall’antichità si comincia ad analizzare le  

Macchina daScrivere Royal Bar-Lock

parole dividendole in sillabe e in fonemi.  

La scrittura fu inventata in Mesopotamia (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Da Cucire

20 marzo 2010

Bellissima macchina da cucire Renania della Junker & Ruh

Tags: , , , ,

Ascolta con webReader

Antica macchina da cucire Renania della Junker & Ruh

 

Devo ammettere che non è in perfette condizioni e che avrebbe bisogno di un piccolo restauro. Ma quando l’ho trovata in un mercatino mi è piacciuta molto.
Forse per la sua meccanica “robusta”.  

E’ infatti di fabbricazione tedesca, e questa risale al 1878.  

Antica macchina da cucire Renania della Junker & Ruh

La Junker e Ruh è stata fondata nel 1870 a Karlsruhe, Baden.

Ha toccato in qualche periodo anche i 1.200 dipendenti.  

Ha da sempre lavorato nel settore della macchina da cucire e e delle stufe americane, cioè  le stufe a gas (per questo aveva una fabbrica (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Da Cucire

14 marzo 2010

Antica Macchina “The Improved Dolly Varden” (1870) e storia della macchina da cucire

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

Antica Macchina da Cucire The Improved Dolly Varden

Questo bel modello del 1870 , “The improved Dolly Varden” è della Johnson, Clark & Co, azienda americana fondata nel 1860 in Massachusetts che venne rilevata nel 1882 dalla New Home Sewing Machine Company  e che iniziò ad uscire con il marchio The Gold Medal Sewing Machine Company.

In molte case, anche in quelle che non sono di un “matto che raccoglie cose strane o ferri vecchi”, possiamo trovare delle macchine da cucire ( o anche dette macchine per cucire o cucitrice ).

Ne possiamo trovare nei vari mercatini dell’antiquariato, ma penso che molte sia saltate fuori dalle varie soffitte o garage dei nonni.

In quasi tutte le case, infatti, una volta c’erano queste vecchie macchine da cucire, spesso  vicino la finestra.
Erano davvero minimali, e gli accessori erano per lo più piccoli cassetto in cui venivano custoditi aghi, fili, spilli e bottoni di tutti i tipi.

Quand’eravamo piccoli, sicuramente in molti siamo rimasti colpiti e affascinati nel vedere mamma o nonna (che possiamo definire sarte provette) alle prese con le stoffe, mentre il pedale andava  su e giù quasi melodicamente.
E magari spesso ci siamo chiesti come mai queste vecchie macchine non venissero buttate per prenderne una nuova.

Ci si cuciva di tutto, dai pantaloni (quante toppe alle ginocchia !!! ) alle camicie ai cappotti.
Allora era diverso, man mano che si cresceva i capi che erano diventati piccoli venivano passati al fratello più giovane, e tutto ciò era assolutamente normale, e forse anche queste
 

Antica Macchina da Cucire The Improved Dolly Varden

cose contribuivano a rendere una famiglia più unita.
In tanti ci siamo addormentato tante volte cullati dal suono della macchina da cucire su cui lavoravano dopo che tutti si era a letto, per confezionare gonne, camicie, pantaloni e quant’altro.
Sappiamo tutti che la macchina da cucire  è un’apparecchiatura meccanica ( o oggi elettromeccanica ) impiegata per unire mediante una cucitura, stoffe o pelli attraverso il passaggio di uno o più (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Varie

13 marzo 2010

Antico Aspirapolvere Vorwerk Folletto … dal grammofono all’aspirapolvere !

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

Aspirapolvere oscopa elettrica Vorwerk Folletto Modello 47

 

Aspirapolvere o scopa elettrica Vorwerk Folletto  Modello 47 brevetto matricola 26927 90 watt 160 volt 

Perchè ho nella mia collezione anche questo utile (anche se ormai antico) accessorio? 

Questo oggetto l’ho acquistato al mercatino dell’antiquariato di Soave.
Spesso chi guarda questo “cimelio storico” in vendita lo guarda come oggetto usato ma ancora utile, quindi con lo spirito di osservazione se può funzionare o no.
Io invece quando acquisto qualche oggetto che ritengo storico o importante, la mia prima osservazione è di guardare se l’oggetto è brevettato o no (se lo è più facile avere qualche documentazione storica relativa all’oggetto stesso – vedi anche precedente articolo relativo i Brevetti ). 

Nella fattispecie del Folletto 47, poi, mi ha colpito il portasacchi che è di bachelite (quindi oggetto comunque interessante per la mia collezione di oggetti fatti in questo materiale – Vedi articolo sulla Bachelite ) , la presa di
corrente che ha le boccole sempre in bachelite ( questa è anche predisposta a lato del medesimo per accessori quali lampade e simili) e il manico smontabile ( per occupare meno spazi quando riposto ). 

Inoltre essendo questo modello degli anni 30 l’ho paragonato ad altri due modelli più recenti che ho in casa ( di cui uno l’ho utilizzo per più di 40 anni ed è tuttora funzionante e ho pensato al valore storico del medesimo. 

Ed in effetti copia di questo modello è esposto anche al Museo  Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano proprio per il suo valore storico. 

Infatti non tutti sanno che il primo apparecchio è nato negli anni successivi 

Aspirapolvere oscopa elettrica Vorwerk Folletto Modello 47

 

alla crisi del 1929 dalla trasformazione di un grammofono

Una circostanza che ha attirato l’attenzione del mondo scientifico, tanto che la serie storica degli apparecchi Vorwerk è stata (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Da Scrivere

12 marzo 2010

Antica Macchina da scrivere ( o per scrivere ) AEG Mignon

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

Macchina Da Scrivere AEG Mignon

Macchina per scrivere a indice MIGNON AEG ( Allgemeine Electrizitäts Gesellschaft ) Deutsche Werke Berlin del 1903

Questo modello è apparso sul mercato sul mercato nel 1905.
Dal punto di vista tipologico, questa macchina può essere considerata sia ad indice posizionabile, dato che la scelta del carattere da stampare avviene mediante indice, sia ad elementi intercambiabili, visto che è possibile cambiare l’alfabeto sostituendo il cilindro portacaratteri e il quadrante.
Muovendo longitudinalmente il puntatore sul quadrante con la mano sinistra, si trasmette il movimento al cilindro che ruota nella posizione corrispondente al carattere selezionato. Abbassando il tasto destro il cilindro scatta in avanti, battendo il carattere sul foglio di carta nel rullo. Il tasto sinistro serve per la spaziatura. L’inchiostrazione avviene mediante nastro inchiostrato. Attraverso un sistema di scappamento, il carrello portacarta compie uno spostamento ad ogni battuta di tasto, permettendo la composizione di una riga. 

Macchina Da Scrivere AEG Mignon

 

Le macchine per scrivere Mignon della A.E.G. furono le più diffuse tra le macchine a tasto unico, rimanendo molto popolari fino all’ultimo anno di produzione nel 1934, grazie alla semplicità del funzionamento, all’economicità e alla velocità di utilizzo; un operatore esperto poteva raggiungere infatti la velocità di 250-300 caratteri al minuto.
Il quadrante e il cilindro portacaratteri erano sostituibili per l’adattamento ai diversi (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Presse

14 febbraio 2010

Antica Pressa per Decotti e Infusi

Tags: , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

In un mercatino dell’antiquariato ho trovato questa bella pressa tutta in legno e ferro…..  

Antica Pressa per Decotti e Infusi

Non ne ho capito subito la funzione….poi ho cercato qualche informazione.  

E’ stata datata metà 800 e serviva per decotti e infusi.  

Tutte le culture e le popolazioni sin dalla preistoria, prevedevo l’utilizzo di piante o estratti di piante come pratica terapeutica umana per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere. Decenni fa molto rilievo veniva dato alle piante e al loro potere curativo.
Il bergamotto, la verbena e il lupino, ad esempio, servivano a lenire i sintomi della malaria, la scilla marittima e la parietaria curavano la cirrosi del fegato e l’idropisia.  

Alcune di queste soluzioni naturali vengono usate ancora oggi. Molti altri prodotti erboristici non avevano funzioni specifiche, non facevano né male né bene. Erano pressoché inutili.  

In natura esistono circa 442.000 specie di piante. Si stima che oltre il 90% di esse contengano sostanze vitaminiche o complessi pro-vitaminici essenziali per la normale funzionalità bio-chimica umana.  

Possiamo quindi iniziare a parlare di Fito-Terapia.  

Questo termine significa letteralmente “terapia con la pianta” (dal greco: Fitos, pianta).
Essa è sempre stata patrimonio di chi voleva mantenere in vita i malati e, possibilmente, portarli alla guarigione.  

Antica Pressa per Decotti e Infusi

Nell’Antichità, i conoscitori di questa tecnica erano i sacerdoti, ma da Ippocrate in poi i medici-erboristi ne fecero la “Medicina”, intesa nel senso moderno del (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Macchine Varie

13 febbraio 2010

Antica Ghiacciaia REX

Tags: , , , , , , , , , ,

Ascolta con webReader

Antica-Ghiacciaia-Rex

Ghiacciaia in legno anni 20/30, ha un’apertura superiore dove venivano infilati i blocchi di ghiaccio,  ed uno sportello frontale. Ha gli interni zincati, maniglia di chiusura e cerniere tutti originali. Sul frontale, la nota marca REX.
A metà  900, il frigorifero era di legno, ed era ancora un bene di lusso.

La struttura  esterna era simile a quella del modello standard di adesso:
parte frigo sotto e piccola parte freezer sopra, che in realtà era un buco in cui veniva messo un blocco di ghiaccio il quale permetteva al cibo contenuto nella parte sotto di restare fresco.La parte sotto era generalmente divisa in
due o tre scomparti.  

Antica Ghiacciaia REX

I lettori non più giovanissimi ricorderanno senz’altro i tempi in cui, specialmente d’estate, si vedeva per le strade qualche garzone che di buon passo, sulla spalla ricoperta da un panno, trasportava lunghe barre di ghiaccio gocciolante, destinate a quegli antenati dei frigoriferi che portavano appunto il nome di ghiacciaie.  

Le tecnologie più moderne hanno cancellato quell’usanza: il freddo e il  ghiaccio vengono assai più comodamente prodotti in casa e delle  barre di ghiaccio non si sente più la necessità.
Eppure quel commercio aveva segnato in una certa misura, a partire almeno dal Seicento, uno degli aspetti della modernità.  

Mi ricordo che arrivava un uomo con un carrettino a tre ruote che conteneva una decina di blocchi di circa un metro (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Macchine Varie

4 febbraio 2010

Vecchio Conta Dividi Monete Globus

Tags: , , , ,

Ascolta con webReader

 

Conta Dividi Monete Globus

Avevo già scritto riguardo un altro conta/dividi monete.

Per chi ne fosse interessato vedi Link : Macchina Contamonete 

Questo è un altro modello trovato sempre a mercatini. E’ marcato Globus e la scritta “zahlmaschinen” fa velocemente intuire che si tratta di fabbricazione
tedesca. 

Riporta il N. 63339. 

Vecchio Conta Dividi Monete Globus

 

Risalente agli anni 50. Notare il selettore di (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Macchine Varie

22 gennaio 2010

Macchina per Caffe o Caffettiera CONDOR

Tags: , , , , ,

Ascolta con webReader

 

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

Macchina per caffè espresso o Caffettiera “CONDOR” per una o due tazze. Anno 1926   

Meravigliosa caffettiera o macchina del caffè , viene chiamata in entrambi i modi, senz’altro oggetto da collezionisti, veniva usata nei grandi e lussuosi bar od hotel del tempo.
La Condor è ancora una azienda presente nel mercato delle macchine del caffè, specializzata ora nella produzione di componenti ed accessori per costruttori di macchine per caffè.   

La macchina è stata prodotta dalla ditta Ved.va OBERTINO & FIGLIE Via Balbo n. 4 TORINO. Porta il N. 330 penso di serie abbastanza limitata.
Probabilmente esiste un collegamento societario o produttivo tra la OBERTINO & Figlie e la CONDOR.   

La caffettiera è predisposta per poter fare uno o due caffè, inoltre ha lo scaldabevande a pressione, elettrica, controllato da un manometro per la regolazione.   

Il caffè espresso, ad oggi noto in tutto il mondo, è nato a Milano nei primi del ’900, in seguito all’invenzione della macchina per produrlo  brevettata dall’ing. Luigi Bezzera nel 1901. Il brevetto venne successivamente acquistato da Desiderio Pavoni che nel 1905 fondò la ditta La Pavoni e iniziò la produzione in serie (una al giorno),  in una piccola officina di via Parini a Milano. 

Interessante il numero di esenzione o esonero, del 6 marzo 1926 , N.12530 . Sarei curioso di sapere da che cosa erano esonerati … probabilmente da qualche tassa inserita ( come oggi ) probabilmente durante il periodo di autarchia.   

Caffettiera o Macchina per Caffe CONDOR

Autarchia : Condizione di un paese autosufficiente,che non intrattenga rapporti  commerciali con altri paesi. In altre parole,il termine indica (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Macchine Varie

14 gennaio 2010

Macchina Contamonete

Tags: , , , , , , , ,

Ascolta con webReader
 
Macchina Contasoldi

Geldzahlmaschinen Fabrik Hans Brose – Berlino N. 2007  

Che bella macchina ho trovato nei mercatini : una macchina Contamonete di fabbricazione tedesca.
  

Nei miei ricordi mi porta quando avevo 12 o 13 anni e cominciavo ad accumulare qualche mancietta e mia madre mi ha procurato dalla banca ( la Cassa di Risparmio di Verona Vicenza e Belluno – ora Unicredito ) un salvadanaio o “musina”. La stessa però doveva essere restituita quando chiudevo il libretto. Cosa che non ho mai fatto….e la banca si è trattenuta la cauzione.   

Macchina Contasoldi

Io infilavo tutte le manciette, poi quando era abbastanza pesante, andavo con la mamma in banca, e c’era un signore ( il cassiere ) che aveva la chiave della mia cassettina ( io non l’avevo ).
L’ apriva e metteva tutte queste monetine su una macchina e girava una monevella. Io era ancora piccolo, e più di tanto non capivo, ma vedevo le monetine che rumoreggiavano in questa strana macchina e uscivano (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Varie

8 gennaio 2010

Macchina per Macinare Terre per i Colori

Tags: , , , , , ,

Ascolta con webReader

Macchina per Macinare Terre

Per Restauri  e/o Pittura Murale. 

Una volta, i colori si ottenevano  da pigmenti in polvere a sua volta prodotti macinando pietre (minerali e terre colorate), metalli (oro, argento, ossido di piombo), residui organici (radici e piante, insetti) fatti seccare e polverizzati, oppure
estratti da tessuti colorati (porpora, indaco).     

Il collante è generalmente un’emulsione di tuorlo d’uovo . Gli artisti medioevali usavano tuttavia anche la resina degli alberi, o ancora colle d’origine animale e vegetale.   

Macchina per Macinare Terre

Le vernici finali, ottenute da resine proteggono il lavoro e saturano i colori rendendoli più carichi.   

Dall’esame delle antiche icone emerge una legge comune: in tutti i colori senza eccezione sono presenti pigmenti cristallini e terre, in varie combinazioni.   

Inizialmente sono presenti le ocre gialle e rosse, nei secoli si  aggiungono alla tavolozza nuovi pigmenti, questo dipende dalla reperibilità della materia prima.
Il blu ad esempio era raro e quindi costosissimo in Italia; si otteneva dalla triturazione del lapislazzulo.   

Col tempo gli impasti per ottenere i colori si arricchiscono e anche l’imprimitura (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Fresa

7 gennaio 2010

Fresa Stencil Cutters

Tags: , , , ,

Ascolta con webReader

Ideal Stencil Machine

Periodo circa fine 1800 inizio 1900  

COMPANY : IDEAL STENCIL MACHINE CO. –  BELLEVILLE ILLINOIS USA
Matricola 19006   

Funzionante in Altavilla Vicentina VI   

Punzona matrici in materiale solido (esclusi metalli ).
  

Ideal Stencil Machine

Veniva usata
per trasferire scritte ripetitive su prodotti multipli (Esempio “Made in Italy” ) su contenitori, casse in legno, (more…)

Print Friendly, PDF & Email

Presse

Pressa per Dentista

Tags: , , , , ,

Ascolta con webReader

Pressa per Dentista

Pressa Dentista 18°-19° secolo 

Fine 1800 ed inizio 1900 i dentisti usavano questa pressa per forgiare le lamine oro o argento per poter poi incapsulare i denti.  

Si iniziava a sagomare la lamina di oro con la pressa in formato più piccolo per poi passare al foro più grande  che si adattava di più al formato del dente da ricoprire, la sagoma poi veniva rifinita direttamente sul dente da ricoprire.

Pressa per Dentista

Print Friendly, PDF & Email